s
Cerca:

Archivi del mese Septiembre, 2011

Le preoccupazioni del Presidente del FMI dinanzi alla crisi e ai mercati finanziari

Il premio dell’Italia ha sperimentato una evoluzione e rimane sulla base di 360 punti (364, meno sette), mentre il Portogallo è stato l’unico paese dell’euro cosiddetto periferico è stato peggio per quanto riguarda il premio di rischio . Buona parte dell’attenzione europea è volta verso la disciplina fiscale sia in Grecia che in Italia per quando il parlamento italiano si preparerà a discutere il controverso pacchetto di austerità proposto dal governo per rimuovere i dubbi circa la sostenibilità delle finanze pubbliche.

Prima dell’apertura in Europa, i mercati asiatici hanno sofferto della terribile giornata di ieri, anche se con cali più moderati rispetto a quelli registrati nel Vecchio Continente. L’indice Hang Seng della Borsa di Hong Kong è sceso dello 0,9% per chiudere dopo l’apertura con un taglio di 1,21%. Tokyo, Nikkei è sceso 2,21%. Il secondo indicatore, il Topix, che comprende tutti i valori della prima sezione, ha perso l’ 1,93%.

358607

Meglio è stato il parco di Shanghai, che a malapena ha lo 0,1%, nonostante l’avvertimento delle autorità cinesi che la crescita della seconda potenza mondiale potrebbe scendere al di sotto del 9% nel 2012 colpiti da debolezza internazionale.

Dall’Australia, il presidente della Commissione europea Jose Manuel Barroso fatto una dichiarazione per porre rimedio alla situazione problematica che si è venuta a creare per via del debito troppo elevato di alcuni paesi europei, tra cui anche il nostro e al fine di calmare i mercati finanziari. Barroso ha detto che la UE sta lavorando per adottare un avvincente programma di lungo termine per affrontare i problemi dei bilanci nazionali e di governance nella zona euro. “Stiamo lavorando verso un mezzo interessante per la realizzazione di un budget nazionale di lungo termine e di una governance della zona euro a mostrare i loro progressi nel corso dei prossimi tre anni”, ha affermato il politico portoghese.b4c5263e-5bb5-4e00-9d1a-8ba3d67e6428

Barroso nelle sue dichiarazioni non può nascondere il rischio di ricaduta per l’economia globale che sta prendendo piede, soprattutto in Europa e negli Stati Uniti, e la minaccia di demolizione della crisi fiscale in Europa è sempre più evidente, con due fori aperti in Grecia e in Italia (e sulla falsa riga di questi vi è anche la Spagna) che contrastano con la proverbiale mancanza di azione da parte dei leader europei, incapaci di far rispettare l’accordo raggiunto nel mese di luglio per salvare Atene. Sarà interessante seguire nelle prossime settimane il mercato finanziario al fine di cogliere le reazioni dopo l’approvazione di alcune misure, considerate essenziali al fine di risolvere il gravoso problema dell’alto deficit e debito pubblico che attanagliano le principali economie dei paesi dell’area dell’euro.
A maggior ragione l’attenzione verrà rivolta verso quei paesi europei che versano in una maggiore condizione di disagio economico e sociale e che al momento presantano dei conti finanziari che destano non poche preoccupazione agli organi decisori dell’Unione Europea. Ciò che ci si augura è che grazie all’intervento della Banca Centrale e dei governi nazionali dei paesi maggiormente colpiti dal problema della crisi, ci sia la possibilità di far voltare pagina ai rispettivi sistemi economici per iniziare una nuova stagione che sia caratterizzata da una crescita sostenuta.

Wall Street trascina i mercati azionari europei e il Dow immerge.

L’indice spagnolo chiude la sua terza giornata con pesanti perdite e scende al livello più basso dal marzo 2009 una nuova giornata nera nel parco. Un altro giorno, brutta giornata per le quotazioni in borsa. Dopo essere transitati per gran parte dei guadagni campo la mattina, le borse europee hanno chiuso la giornata in perdite dal aperto inferiore a Wall Street, che hanno continuato a urtare ieri, quando erano i tagli fino a 5%. Le ragioni per l’esodo degli investitori sono gli stessi: la paura di una ricaduta in recessione e la paura del fallimento della Grecia.

b4c5263e-5bb5-4e00-9d1a-8ba3d67e6428

In realtà, il declino di New York è perché il principale piano commercio degli Stati Uniti, che è stato chiuso Lunedì per una vacanza, oggi ha contribuito alla forte calo del 2,7% la punizione che gli investitori scosso ieri i principali indici internazionali , in modo che il trend ribassista è alimentato di nuovo da quello che sta avvenendo su entrambi i lati dell’Atlantico.

La BCE raddoppiato l’acquisto di obbligazioni di paesi con problemi

Per quanto riguarda la Spagna, l’Ibex 35 è stato inserito tra i più colpiti dal crollo nuovo. Così, la borsa spagnola di ieri e si fermò sulla soglia di 8.000 punti dopo aver perso il 4,7%, ha chiuso oggi con un ulteriore calo del 1,69%, che raccoglie un tuffo del 9,4% rispetto venerdì. Inoltre, a causa di questo nuovo diritto, l’indice spagnolo è sceso a un minimo annuo di 7926 punti, un livello non toccato dalla fine di marzo 2009.

7946-bce

Per i nomi, la maggior parte dei titoli ha chiuso la giornata in negativo, mentre le diminuzioni più erano per Sacyr, con un taglio di oltre il 5,3% e CaixaBank, che ha lasciato qualcosa di meno del 4%. Le altre banche, un settore che è tornato al centro del bersaglio degli investitori in tutta Europa anche chiuso in rosso, anche se con cali più moderati rispetto a ieri. Per quanto riguarda quello che è successo in altri luoghi di riferimento del Vecchio Continente, Parigi è oltre l’1% lasciando, Francoforte e Milano 1,13% 1,98% anche se, come è successo con il Dow non era riuscito a recuperare durante gran parte della mattinata. Londra, intanto, ha evitato la punizione con un aumento dell’1,06%. Che non è stato recuperato dallo shock della serata durante la giornata è stato l’euro, che ha continuato a perdere posizioni nei confronti del dollaro e si è trasferito circa 1,40 unità del biglietto verde, nonostante dichiarazioni Barroso all’alba.            Per quanto riguarda il franco svizzero, tuttavia, ha recuperato posizioni dopo la decisione della Banca Centrale della Svizzera di impostare un cambiamento minimo tra le due valute.

7461

Nonostante le lievi variazioni positive dello stock di mattina, le preoccupazioni non erano scomparse dall’orizzonte degli investimenti, ha minacciato su più fronti, come è stato dimostrato in rosso dopo l’apertura di Wall Street. “Le preoccupazioni per la crescita globale è aumentata dopo che recenti dati economici che sono stati conosciuti e il mercato rimane preoccupato per il debito sovrano europeo e del settore bancario della regione”, ha detto a Reuters Flemming Barton, analista di equity Capital Markets CM a Madrid.

Trichet ha avvertito che Berlusconi deve muoversi nella regolazione

“E ‘essenziale che l’Italia conferma gli obiettivi e la portata della salute economica è fondamentale per rafforzare il loro merito creditizio”. Il presidente della Banca centrale europea, il presidente Jean-Claude Trichet, non ha esitato a lanciare un nuovo avvertimento ieri al governo di Silvio Berlusconi. E lo ha fatto al Forum Ambrosetti, che ogni anno all’inizio di settembre, si riunisce a Cernobbio sul fiore e crema dell’economia mondiale. E poi, diversi membri del gabinetto italiano.b4c5263e-5bb5-4e00-9d1a-8ba3d67e6428

Nella tranquilla cittadina sulle rive del Lago di Como, a nord di Milano, Trichet ha alzato il tono dei suoi avvertimenti a Roma, che il Venerdì contribuito ad aumentare la tensione nei mercati finanziari. Il suo discorso, che ha aperto una chiacchierata con il presidente Giorgio Napolitano, si forte e chiaro: e l’Italia sembra ansioso di raggiungere l’equilibrio nel suo bilancio per il 2013, lanciando il suo piano annunciato di regolazione, la BCE potrebbe stancarsi di assistere il governo italiano.358607

Molti ministri erano presenti all’udienza. Tra questi, Giulio Tremonti, Ministro dell’Economia, che ha in mano il nuovo piano di regolazione, del valore di 45.000 milioni e vede dieta quotidiana: il primo ministro Silvio Berlusconi ha sacrificato alcune iniziative per la stabilità interna, la piacevole Allied federalista Lega Nord. Ogni iniziativa eliminato è compensato da una disposizione superiore per raccogliere fondi per la lotta contro l’evasione fiscale, una soluzione che non convince le autorità europee.7461

“Abbiamo forti riforme strutturali per evitare che la produttività di soffocamento. Soprattutto in Italia,” gridò il presidente della BCE, lasciando intravedere la sua preoccupazione e le istituzioni comunitarie per l’azione di danza. E ‘stato un mese da quando Trichet ha sollecitato un’azione pronta a cambiare per acquistare obbligazioni italiane e superare la crisi dei titoli di stato svalutato più che gli spagnoli. La BCE ha mantenuto la promessa finora acquisito circa 35.000 milioni di obbligazioni italiane.

“Insistere sul fatto che la BCE continua la sua saggia politica di sostenere gli sforzi di Italia e Spagna”, ha detto il ministro degli Esteri italiano, Franco Frattini, che ha anche partecipato al Forum delle imprese.

Il piano di adeguamento di 45.000 milioni in due anni dovrebbe garantire un deficit zero nel paese che ha perso le gambe più robuste e gran parte degli introiti che dovrebbe iniettare fondi pubblici sono legati alla lotta all’evasione fiscale. Piano sono caduti riforma delle pensioni, la tassa di solidarietà per i redditi alti, il sovrapprezzo su beni, raggruppamento di enti locali alla ritirato l’idea di tenere Domenica partiti religiosi non per evitare ponti. Non ha ancora presentato il disegno di legge per inserire nella Costituzione per equilibrare il bilancio o in rilievo l’IVA. Alla riunione hanno partecipato anche Cernobbio l’ex primo ministro spagnolo Jose Maria Aznar, che ha sottolineato l’importanza dell’intervento da parte della BCE in un’intervista al Corriere della Sera . “E ‘un grande fallimento per i governi. E’ difficile ammettere un fallimento, ma i nostri paesi devono fare e si rendono conto che sono stati salvati. Essi devono trovare il loro posto nell’economia internazionale, di prendere decisioni importanti e recuperare margini di autonomia.” Aznar ha sottolineato che l’Italia ora è peggio di Spagna per la maggior parte del suo debito.

La crisi dei paesi con problemi potrebbe destabilizzare l’area dell’euro

Nelle quattro settimane da quando la Banca Centrale Europea ha apertamente confermato la decisione di agire operosamente nei mercati del debito, l’istituto ha impiegato € 56.247.000 per l’acquisto di titoli di Stato, 43,6% del totale. Il presidente della BCE Trichet con tali premesse, ha incitato i paesi della zona euro ad realizzare senza pause le misure stabilite al vertice del 21 luglio per soccorrere i paesi membri con problemi di debito.

obbligazioni-e-mutui-cosa-fare-dopo-che-la-bc-L-IWyxa3

Trichet, che testimonierà l’italiano Mario Draghi nel mese di novembre, ha anche invitato i governi dei paesi che condividono la moneta unica ad avanzare delle azioni di integrazione economica e ha fatto un appello per dare impulso alla crescita e alla riduzione del livello di disoccupazione. Prima che dell’emersione di dubbi sui paesi sotto pressione nei mercati del debito, Trichet ha detto che è necessario attuare le misure dette più di un mese di “immediata e convincente”. Tra questi, i paesi dell’euro si sono impegnati a rafforzare e ad espandere le funzioni dei fondi di salvataggio per aiutare gli Stati con problemi e sono state date delle informazioni dettagliate sul modo di coinvolgere il settore privato nel salvataggio Grecia secondo.

7461

In attesa di tali decisioni, la BCE ha assunto il ruolo di soccorritore nell’ambito del mercato secondario acquistando i titoli di Spagna e Italia. Ma questo programma, come più volte ha sottolineato Trichet , è temporaneo e non convenzionale. Durante una conferenza a Parigi, Trichet ha sostenuto che è “assolutamente essenziale” per rafforzare il coordinamento economico nella zona euro. A suo avviso, questo “permetterà un più stretto monitoraggio di sviluppi di bilancio nazionali”, e consentirà di vedere se i paesi rispettano i limiti al deficit. Per questo, il presidente dell’agenzia ha ricordato la necessità, come ha già ha fatto la Spagna, di imporre per legge la sostenibilità delle finanze pubbliche. Questa settimana, secondo la Reuters, gli analisti si aspettano la BCE, diviso internamente dal suo intervento sui mercati obbligazionari per proteggere l’Italia e la Spagna, e per controllare il programma di quest’ultimi.


Pensare che la BCE continuerà ad acquistare per almeno diverse settimane perché l’aumento dei rendimenti del Tesoro italiano che, com’è noto è il Paese che desta le maggiori preoccupazioni da parte degli investitori, potrebbe destabilizzare l’intera area dell’euro. Inoltre, in questa settimana si è cercato anche in Grecia di convincere investitori gli privati a partecipare a uno scambio di obbligazioni al fine di tagliare il suo pesante debito di 340.000 milioni di euro. Per quanto concerne l’Italia, ilpiano di adeguamento dalla sua adozione al Consiglio dei Ministri il 12 agosto ha subito numerosi cambiamenti, tra cui il più importante è stata l’eliminazione della cosiddetta tassa di solidarietà hanno dovuto pagare 90.000 € superato quelle rendite. Ha anche lasciato cadere il requisito di 40 anni di lavoro effettivo per l’accesso alla pensione.Al contrario, il piano di adeguamento prevede obiettivi per cercare di combattere l’evasione fiscale e le cui voci sono destinati a compensare la ripresa economica che si comportavano misure ritirate. Ma le entrate provenienti dalla lotta all’evasione fiscale non può essere quantificato e questo crea, secondo gli analisti, l’incertezza ancora maggiore nei mercati finanziari. Contemplato anche una serie di tagli, comprese le spese dei ministeri (6.000 milioni entro il 2012 e 2.500 per il 2013) e locali (4.200 a 3.200 per il 2012 e 2013). Inoltre, una serie di entrate di sensibilizzazione, come la frequenza, Robin, ha fornito una tassa supplementare per le imprese del settore energetico, che passa dal 6,5-10,5% e si prevede di ottenere almeno 1.800 milioni nel 2012 e 900 milioni nel 2013 e 2014.

La BCE ha raddoppiato l’acquisto di obbligazioni di paesi con problemi

7461

La banca centrale ha acquistato titoli periferici del valore 13.305 mila durante l’ultima settimana ed il presidente Trichet ha esortato ad attuare le misure concordate a luglio. La Banca centrale europea (BCE), la scorsa settimana ha investito € 13.305.000 per l’acquisizione del debito sovrano dei paesi della zona euro, come annunciato il Lunedì nella conferenza presieduta da Jean – Claude Trichet, che ha investito un totale di 129.000 milioni di euro dal Maggio 2010 come parte del suo programma di acquistare obbligazioni sul mercato secondario. Vi sono delle preoccupazioni molto evidenti per quanto concerne l’economia europea al momento, ciò a causa della timore del fallimento della Grecia e una ricaduta nella recessione del mercato europeo, ma preoccupa anche il calo dei mercati europei continua in Asia.

7946-bce

Pertanto, la BCE ha raddoppiato il volume dei suoi acquisti di titoli di Stato la scorsa settimana , quando ha acquistato 6,651 milioni, e secondo gli analisti intervistati sarebbe rinnovata l’ attenzione sul debito in Spagna e in Italia . Nonostante il notevole aumento di acquisizioni, i premi di rischio in entrambi i paesi sono stati rimessi al loro ultimo giorno a livelli più alti da quando la BCE ha annunciato ai primi di agosto che sarebbe intervenuta sul mercato secondario per l’acquisto del debito di Spagna e Italia.

358607

Infatti, dallo scorso Giovedì la diffusione delle loro obbligazioni sovrane decennale sul Bund ha nuovamente superato i 300 punti base e il Lunedì, ha raggiunto nel caso del tesoro spagnolo della 337 punti base, con gli interessi del 5,24%, mentre il debito italiano è salito a 364 punti base, con un rendimento del 5,55%. In questo senso, per ragioni tecniche legate alla liquidazione dei contratti, le informazioni pubblicate dalla Banca centrale della zona euro non mostrano la quantità di acquisizioni effettuate nello scorso Giovedì e Venerdì, giorni in cui si sono registrate delle difficoltà a causa del forte debito spagnolo e italiano. Nelle quattro settimane da quando la BCE ha pubblicamente confermato la decisione di intervenire attivamente nei mercati del debito, l’istituto ha investito € 56.247.000 per l’acquisto di titoli di Stato, 43,6% del totale. Con queste premesse, Trichet ha esortato i paesi della zona euro ad attuare senza indugio le misure concordate al vertice del 21 luglio per aiutare gli Stati membri con problemi di debito. Trichet, che testimonierà l’italiano Mario Draghi nel mese di novembre, ha anche invitato i governi dei paesi che condividono la moneta unica ad avanzare delle azioni di integrazione economica e ha lanciato un appello per promuovere la crescita e l’occupazione.
Pertanto, sarà di fondamentale importanza riuscire ad introdurre delle politiche che siano capaci di rimuovere gli ostacoli che determinano delle condizioni di particolare disagio di ordine socio-economico, cercando di introdurre delle azioni in materia di politica economica che siano in grado di centrare uno dei principali obiettivi che si trovano anche enunciati all’interno dell’agenda dei lavori che, la stessa Unione Europea ha avuto modo di esporre nel corso della Conferenza di Lisbona del 2007 e che scadrà entro il 2015, dopo la proroga che è stata inserita di recente.
Ciò che ci si augura è che l’azione degli organi istituzionali decisori comunitari, agendo di concerto con i governi nazionali sia efficace.

L’Unione europea sta andando nella catastrofe: una diagnosi e prognosi politica economica

500_euro-money1-150x150

Dimenticare il degrado qualifica di S & P, che era a zero impatto sui mercati azionari mondiali. La degradazione si presume che significava una maggiore probabilità che il governo americano finirà per essere in grado di onorare il debito precedentemente contratto. Se i mercati che avevano preso sul serio avvertimento, avrebbe dato un premio di rischio più elevato sui titoli di Stato degli Stati Uniti. Invece si nota che è successo il contrario: il prezzo di tali titoli è andato alle stelle. In altre parole, gli investitori, qui e ovunque, hanno detto che il debito pubblico americano era un porto molto sicuro in un momento di caos finanziario. Quindi, se non fosse per la degradazione di S & P che cosa ha causato il collasso a cascata dei mercati azionari globali? Di gran lunga il fattore più importante che ora è determinare la direzione dei mercati è l’Europa, e la maggior parte unica, il futuro dell’euro e dell’Unione monetaria europea. Rischio sistemico ha attraversato l’Atlantico per stabilirsi nella zona euro.

16042890

E dopo che uno scherzo del recente vertice tra il cancelliere tedesco Merkel e il presidente francese Sarkozy, sembrerebbe che ancora una volta, i decisori politici in Europa, ha attivato l’rischio. Il suo persistente riluttanza a confrontarsi con la pompa installata sistemico nel cuore ticchettio dell’euro ha raggiunto il punto che probabilmente ha stabilito il destino dell’euro.

8656a6058012a14c766868d73aad133b_Generic

I suoi ripetuti “salvataggio” non può più nascondere il problema centrale, e cioè che i paesi con economie molto differenti andare aggiogati a una moneta unica, senza una unione trasferimenti fiscali, l’assenza di una tale unione fiscale, nelle circostanze attuali, è impossibile per facilitare la crescita, tuttavia, è favorevole alla depressione economica e il caos politico. È stato aumentato il tasso di interesse, che ha costretto gli Stati membri a preparare dei programmi di austerità suicida, distruggendo la crescita e che hanno ulteriormente peggiorato la dinamica del debito sottostante. E ‘difficile immaginare un mix di politiche più tragiche e suicida. Ci si chiede quale possa essere l’andamento dell’euro nei prossimi mesi, quando i governi nazionali avendo portato avanti le politiche di risanamento dei conti pubblici, ancora una volta metteranno inevitabilmente in ginocchio le economie interne dei rispettivi paesi che dovranno far fronte a delle pressioni fiscali che tenderanno ad aumentare ( in Italia forse aumenterà l’iva).Saremo curiosi di vedere in che modo l’euro risponderà sul mercato internazionale nei prossimi mesi, considerando che vi sono delle situazioni poco felici che riguardano i sistemi economici dei paesi economicamente forti e che in questo momento versano in una condizione di particolare disagio dovuto proprio alla crisi economica e finanziaria.
Non poche sono le preoccupazioni da parte della Banca centrale europea e dei diversi organi sovranazionali e di governo degli stati che particolarmente risentono del periodo  di crisi.

Che cosa accadrà all’euro anche in virtù del confronto con le altre valute sul mercato internazionale della moneta? Chi realmente beneficerà dei risultati delle politiche anticrisi che i paesi dell’aria dell’euro dovranno portare avanti anche e soprattutto per volontà della Bce? Il tempo, forse, ci darà le tanto attese risposte!

La coppia dollaro- euro ha chiuso il mese di agosto senza aumenti di grandi dimensioni

header

Il mese di agosto ci mancherà molto da tutti coloro che operano nel mercato dei cambi, soprattutto per le persone che preferiscono la coppia euro dollaro, come tra tanti alti e bassi sperimentato durante il mese di agosto, l’euro, dollaro chiude come è iniziato. Questo può essere preso come una sorta di riferimento della situazione di fronte le due valute nel mercato dei cambi.

Il tasso di cambio euro per il periodo mensile conclusosi esattamente a 1,4367 dollari, un valore simile a quello presentato quando l’azione sul sacco in questo mese occupato. Il fattore principale che ha permesso al dollaro euro Prezzo vissuto, la sua ultima modifica prima della fine del mese sono le modifiche più recenti portafoglio che sono state fatte durante le ultime ore prima di terminare la sessione l’ultimo giorno di agosto.

sell_on_change

Il facilitatore di questi tagli portafoglio è stata la Banca centrale europea, che attraverso i suoi ultimi messaggi rinforzato la vista, da dare una pausa nel ciclo di rialzo sperimentato alcune valute rispetto a quasi nessuna attività che ha presentato la coppia Euro -dollaro.

La costante tensione che esiste da parte di investitori nei confronti del debito detenuto da alcuni paesi dell’area dell’euro, unito alla crisi economica che continua ad affliggere le grandi potenze, tuttavia, nonostante questo, il Regno Unito e gli Stati Uniti sono stati in grado di riportare alcuni miglioramenti nei dati relativi alla macroeconomia, come il numero di posti di lavoro è quello di promuovere l’iniziativa privata e la forte domanda di materie prime che ha eruttato nel potere del Nord America contribuendo a stabilire un quadro più per il biglietto verde, che prevede che possono essere prese per l’euro, che è molto improbabile che sia in grado di sollevare la testa di questo mese contro le altre valute che operano nel mercato forex, quindi è molto probabile che il dollaro a euro mantenere la sua lista con valori simili a quelli che stanno chiudendo in questo mese.

soldi-300x256

Non c’è dubbio che se il mercato degli Stati Uniti continua ad espandersi, è probabile che il dollaro euro coppia non rimarrà una grande opzione per gli investitori nel mercato valutario, ma si ritiene che queste attività non si fermerà la corsa di questo valuta rispetto al franco svizzero, in quanto si prevede che questo mese la moneta fondamentale continuare la sua manifestazione contro altre valute nel mercato, in modo che i nuovi investitori dovrebbero essere molto cauti nella scelta di una coppia di valute a lavoro. Saremo cuoriosi di vedere in che modo evolverà il mercato finanziario dopo l’intervento dell’Unione Europea grazie alla Banca Centrale di acquistare con delle obbligazioni il debito pubblico dei paesi maggiormente colpiti dal dissesto economico e finanziario dei propri bilanci  e del relativo rapporto debito pubblico e Prodotto interno lordo, come ad esempio l’Italia, la Spagna e la Grecia, quest’utlima come si è potuto apprendere, proprio per evitare che si verifichi un contagio che coinvolga altri paesi che al momento sono immuni dalla crisi, necessita di un’azione forte ma anche di una manovra interna che sia in grado di far tornare i conti a posto.

L’esaurimento dell’euro nel sistema bancario dell’Honduras

L’euro si è esaurito nel sistema bancario honduregno, in base ai reclami dei clienti delle banche stesse che sottolineano che la carenza di moneta europea nel locale rami finanziari.

b7ylcp-300x155

Per i banchieri stessi non hanno alcuna spiegazione per il fenomeno, perché la valuta estera che ha una maggiore domanda nel paese è il dollaro, anche se è possibile che una carenza di euro possono obbedire alla sua forza nei confronti del dollaro. Al 30 agosto il prezzo dell’euro è stato quotato al dollaro honduregno sistema bancario 1,3812 26,0818 lempira o di acquisto, mentre la vendita è a 1,4844 dollari e 28,2268 Lempiras. Tuttavia, il mercato non ufficiale della moneta europea scambiati tra 30 e 31 Lempiras, secondo quanto riferito dalle stazioni radio.

Per quanto riguarda questo fenomeno, il banchiere Bueso Jorge Arias è sorpreso perché in Honduras tasso di cambio è legato più al dollaro che alla valuta dell’Unione europea. Ha spiegato che a seguito della modifica del tasso di cambio o di tasso di cambio banda è stato un apprezzamento del Lempira nei confronti del dollaro, tuttavia, è ora percepito una lieve svalutazione della moneta.

crash_by_brainloc-300x225

In relazione all’euro, ha spiegato che in Honduras c’è una triangolazione, ovvero la moneta apprezza o si deprezza l’Europa con il dollaro e questo è ripetuto con la Lempira, quindi la carenza potrebbe essere legato a questa situazione. Bueso Arias ha considerata una cattiva notizia ciò che accade negli Stati Uniti e altri fattori legati all’economia globale, sarebbe a quanto pare apprezzamento dell’euro rispetto al dollaro e questo è naturalmente un impatto del tasso di cambio qui in Honduras. Ha detto che ci sono al momento in euro esistenza nel sistema bancario, anche se non in abbondanza come valuta degli Stati Uniti, rilevando che attualmente quotate sul mercato ufficiale in 27 Lempiras per euro.sell_on_change

“Se questo è salito ai 31 lempira non è un fenomeno interno nostra qui, che qualcuno vuole andare in Europa ed è disposto a pagare di più Lempiras per euro, e il mercato globale sarebbe valute internazionali, euro, dollaro, ecc”, ha detto che forse la crisi affrontata da diversi paesi in Europa sta avendo un impatto sulla valuta del vecchio continente e se è così se il dollaro si è apprezzato nei confronti dell’euro.

“Se succede il contrario allora io francamente non ha spiegazioni di quanto sta accadendo, ma ancora una volta se il cambiamento lempira euro è aumentato del 31 Lempiras, questo significa che l’euro contro il dollaro che è risorto ed è quindi impatto sul tasso di cambio del nostro Lempira l’euro “, ha detto.

Infine, il banchiere ha detto che se l‘euro è debole o acquisito a un prezzo più alto sarebbe un fenomeno speculativo, perché in questo momento non c’è alcuna spiegazione per l’aumento stesso valore. Saremo curiosi di vedere in che modo l’euro risponderà sul mercato internazionale nei prossimi mesi, considerando che vi sono delle situazioni poco felici che riguardano i sistemi economici dei paesi economicamente forti e che in questo momento versano in una condizione di particolare disagio dovuto proprio alla crisi economica e finanziaria.

Informazioni sul dollaro e l'euro. La pagina di Forex per entrare nel mondo delle valute.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti: