s
Cerca:

Analisi tecnica euro dollaro. Tutti i nostri post che parlano di: ‘Analisi tecnica euro dollaro’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Analisi tecnica euro dollaro. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Cambio euro dollaro

Nel Cambio Dollaro Euro durante l’ultima sessione si assiste a un “sell off in attività rischiose che hanno innescato il panico. Le tensioni in Medio Oriente e in particolare quelle provenienti dalla Libia fanno sic he gli azionisti stiano abbandonando le attività del mercato azionario per cercare ‘porto sicuro’ come I bond U. S. del Tesoro o lo stesso dollaro. Vediamo anche sullo yen e franco svizzero segni di forza per lo stesso motivo.

Gaddafi

I fattori geopolitici, spesso ignorati dai mercati, prendono il primo piano. Gheddafi è arroccato sul potere e ha inviato l’esercito per attaccare i manifestanti. Nel caso della Tunisia e dell’Egitto, i militari sono i garanti della rivoluzione democratica. I morti supererebbero i 200 ma l’informazione non può essere confermata.

A causa della escalation di violenza in Libia, i prezzi del petrolio sono saliti alle stelle con picchi negli ultimi due anni e mezzo, anche se gli analisti e le autorità assicurano che l’impatto sulla fornitura è minimo. Secondo gli esperti, la reazione del mercato dovrebbe essere, come è successo con il debito sovrano, la paura del contagio ad altri paesi della regione. Algeria e Arabia Saudita sarebbero il jackpot.avvoltoi

Andare a creare l’impressione che la Francia e la Gran Bretagna sono stati i veri architetti del successo della campagna degli Alleati contro Muammar Gheddafi, Ivo Daalder, ambasciatore americano presso la NATO, ha ribadito ieri che non ci sarebbe nulla senza gli Stati Uniti possibile. L’intervento americano “è stato cruciale per gli altri paesi di partecipare e di adempiere al mandato delle Nazioni Unite”, ha detto. Daalder ha detto che la campagna continuerà come il regime ei suoi elementi rappresentano una minaccia per i civili, indipendentemente dal destino di Gheddafi. “E ‘chiaro che tutto sta per affondare, se Gheddafi scompare”, ha detto. Washington ha tranquillamente mantenuto il suo ruolo nel funzionamento unificata Protector, ma sembra che gli allori che alcuni sono posti nel momento della vittoria, fino a quando la Germania è stata attribuita sfuggente ora un ruolo molto importante nello sforzo, è necessario mettere le cose a posto. Daalder ha battuto l’attivismo americano nella progettazione, ottenendo un mandato delle Nazioni Unite e la sua attuazione. “L’America ha il 26% di sortite d’aria. Più di chiunque altro”, ha conquistato. Daalder non mancherà di apprezzare gli sforzi degli alleati, che ha definito “indispensabile” nel caso della franco-britannica.
Libia
Secondo i loro conti, i tre paesi hanno il 60% delle sortite d’aria. Gli Stati Uniti ritengono che la protezione unificata ha dimostrato l’importanza delle armi di precisione, il bisogno di alleati per dotarsi di intelligence, sorveglianza e ricognizione; basi di stoccaggio di munizioni a sufficienza per le campagne che possono verificarsi senza preavviso abbastanza convincenti e che il controllo delle operazioni centri hanno personale addestrato per individuare e contrassegnare gli obiettivi, la formazione ora si trova principalmente negli Stati Uniti.
Campagna di Libia “continuerà mentre il sistema o di suoi elementi rappresentano una minaccia per i civili,” Daalder previsto, che si traduce in una fonte statunitense, se vi è di estendere il mandato di Unified Protector oltre il termine di 26 giorni, essere fatto.

Borse europee

Giornata di tendenze miste oggi, nelle borse della vecchia Europa, con un fitto programma di dati macroeconomici. Mentre la delegazione dell’Unione europea in Grecia osserva con attenzione i conti del paese di Papandreou per risolvere i problemi di debito europeo gli osservatori UE sembrano cercare di giustificare il rifinanziamento tramite una nuova tranche di pacchetto di salvataggio da 15.000 euro ad ogni modo. Intanto la Grecia emette un 300 milioni di euro sul mercato ad un interesse al di sotto del 5% sfoggiando una sicurezza nel mercato a reddito fisso che ha perso da tempo. Gli analisti dicono che questo è un buon momento per il debito greco visto che gli indici danno segni di forte miglioramento sui mercati grazie a risultati come quello del Sentix pubblicato ieri. Per quanto riguarda appunto il fronte macroeconomico sappiamo che l’economia francese crescerà dello 0,8% nel primo trimestre di quest’anno, secondo la prima stima della Banca centrale del paese. In aggiunta ai dati della crescita francese sono oggi anche la pubblicazione dei dati di bilancio del Paese deficit e tedesco figure di produzione industriale.

euro-soldi-tasse

E non sono stati buoni. Nonostante la fiducia del mercato nel vecchio continente aumenta, la produzione in Germania è tornata nel mese di dicembre 2010 ad una decrescita del 1,5% rispetto a novembre. Questo è quanto emerge dai dati provvisori diffusi oggi dal ministero dell’Economia del paese in Germania. Adesso si parla di tendenza visto che nel mese di novembre vi era stata una flessione del 0,6% rispetto al mese precedente. Secondo il Ministero, mentre la produzione industriale cala solo dello 0,1% nel settore delle costruzioni è sceso del 24,1%, soprattutto a causa di condizioni invernali, e un maggiore prezzo dell’ energia 0,3%.  Per quanto riguarda i dati francesi il paese dichiara un deficit di bilancio record di 148.798.000 € nel 2010. Rispetto ai 138.029.000 € l’anno sembra che non sia modellino in quanto alle richieste di riduzione del deficit fatte da Jean Claude Trichet. Non tanto come la Grecia, l’Irlanda o la Spagna. Le spese di amministrazione statale sono cresciute del 15,9% a 425.650 milioni di euro, mentre i ricavi aumentano anche allo stesso tasso fino a stabilirsi a € 274.887.000.

Cambio euro dollaro

Il cambio euro dollaro, principale cross del mercato FOREX, ha avuto un anno prevalentemente ribassista. Lo scoppio della crisi di debito in Europa ha preso il cross a 1,5145 e lo ha portato fino a 1,1877. Ciò che in un primo momento è stato un fuoco limitato alla Grecia e poi saltato all’Irlanda divampando sotto forma d’incendio fino a giorno d’oggi quando stato messo in quarantena il Portogallo e la Spagna. Il timore di un possibile ‘effetto domino’ pesa ancora come un macigno sul cambio dollaro euro. Gli investitori sono ancora ribassisti sulla moneta unica con posizioni speculative. Tuttavia, i problemi fiscali negli Stati Uniti sono importanti anche per il prossimo anno e ciò potrebbe diventare uno dei ‘driver’ del mercato che favoriscano la moneta europea a scapito del biglietto verde. Ciò che salva Stati Uniti è la sua capacità di crescita che gli esperti stimato tra il 2 ed il 3% nel 2011 rispetto al 1-2% nella zona euro.

dolar-euro

Euro 2008

L’euro del 2008 non è cambiato molto rispetto all’euro del 2010. Anzi, è peggiorato. Soprattutto per quanto riguarda il cambio euro dollaro. Come possiamo osservare nella grafica i livelli del 2008 hanno un supporto in area 1.25 che fungeva da barriera psicologica per gli investitori europei ed americani con portafoglio in moneta unica dopo il collasso dell’economia globale. Il caso Lehman Brothers, ovvio, faceva sprofondare anche l’euro in due flessioni successive che però non superarono mai il supporto 1,25. Cosa succede nel 2010? Dopo un anno di politica economica europea basata fondamentalmente nell’iniezione di liquidità nei mercati vediamo persino un picco storico: 1.50 nel dicembre del 2009. Però la bolla –originata dai movimenti della BCE e dalla debolezza del dollaro– ha portato il cross ad un nuovo crollo durante la crisi del debito. La flessione arriva ben oltre il limite che raggiunse dopo il crollo di Lehman. Il minimo: 1,20.

euro 2008

Cambio dollaro euro

Cambio dollaro euro:  Anche se i paesi del G-20 hanno confermato la loro intenzione di evitare una svalutazione delle monete, l’ansia resta alta tra letture miste in attesa di dati economici degli Stati Uniti di questa settimana. I rischi del cross EUR-USD rimangono tra il livello di 1,38 e 1,4.Cambio dollaro yen: Il risultato del G-20 stabilisce  un consolidamento del dollaro, il cross USD-JPY dovrebbe girare a 81-82, mentre EUR-JPY ancora in gran parte seguire il cross EUR-USD. Il franco svizzero: Con la speranza che la “guerra monetaria” non peggiorera piu di questo permette un recupero di CHF. Ma i cross USD-CHF e EUR-CHF continuerà abbastanza piatto, con fattori esterni. Il cabe si aspetta una svalutazione del dollaro in più rispetto al sostegno dei loro dati nazionali per evitare di ri-testare il livello di 1,55 nel breve termine.

DollarEuroPoundMouse_XS[1]

Cambio euro dollaro

Il cambio dollaro euro – come principale cross del mercato valutario– è di fronte ad un momento critico in prospettiva di breve termine. Dopo aver confermato la formazione di un movimento altalenante ha  fatto il tipico “pullback” andando a finire nella nuova zona di resistenza, che –ricordiamo- prima era supporto, di 1,2733. Poiché questo tipo grafiche così chiare con un trend ribassista potrebbero aprire un rally orso nel cambio euro dollaro ma creare anche un effetto contrario per la teoria del “opposite sentiment”.  Facciamo attenzione alla nostra strategia di uscita e diversifichiamo in altre valute rifugio come quelle che abbiamo visto nei giorni scorsi.

Nel breve termine, la chiave del cambio euro dollaro è quella di sostenere e superare il minimo recente di 1,2588. Nel caso il cross rompesse questo supporto potremo pensare ad un nuovo movimento ribassista che potrebbe catapultare il cambio almeno fino a quando ad area 1,2130.

Un dollaro più forte. Cartoon: weakonomics.com

Un dollaro più forte. Cartoon: weakonomics.com

Dal punto di vista fondamentale, notiamo che l’incertezza a livello macro e forte ed è ovvio che questa situazione favorisce il dollaro per il suo ruolo di rifugio sicuro. Il fatto che l’economia americana stia rallentando e la Fed sia di nuovo pronta a sostenere la crescita potrebbe portare ad un nuovo momento di nervosismo globale nei mercati finanziari. Una ricaduta nella recessione negli Stati Uniti potrebbe trascinare l’Europa e le economie asiatiche.

Gli indicatori principali e ci dicono che nei prossimi mesi, il ritmo di crescita rallenterà nella Zona Euro. Quindi, si conferma l’effetto negativo di una Europa che si muove a due velocità. Vediamo che Francia e Germania sono molto più forti rispetto ai paesi della periferia. Nel caso della Grecia, l’Irlanda e la Spagna addirittura ci si aspetta una possibile ricaduta in recessione alla fine dell’anno.

La fine del dollaro

Nel 2009, molti prevedevano la fine del dollaro come valuta di riferimento e l’egemonia dell’euro, ma dopo l’ultima correzione sembra ormai logico vista la crisi dell’euro -pensiamo ai picchi insostenibili del cambio dollaro euro a 1,6,04. Tuttavia, tra gli investitori pochi ci aspettavamo un calo così grave dovuto alla crisi del debito nella zona euro. Le previsioni degli esperti come Robert Ruarte, sia pure assistito da altri fattori, sembrano materializzarsi con precisione. Quasi un anno fa, l’analista ha affermato sul cambio dollaro euro che le previsioni per il 2010 e la caduta da 1,6,04 mille erano “una correzione a lungo termine, non una tendenza.” Assicurava inoltre che si sarebbe parlato “della scomparsa della moneta unica.” Nel 2010, il cambio dollaro euro è venuto a cadere del 17%. È arrivato persino ad essere inferiore a i 1.20, e la sopravvivenza dell’euro è stata messa in dubbio.

Un dollaro più forte. Cartoon: weakonomics.com

Un dollaro più forte. Cartoon: weakonomics.com

Dollaro euro

Il cambio dollaro euro continua a mostrarci una debolezza tecnica nel breve termine. Nelle ultime sedute è rimasto sempre al di sopra dei massimi di agosto raggiunti a 1,3334 e per il momenti il prezzo non mostra segni di stanchezza. La recente dichiarazione della Federal Reserve, che apre le porte ad una seconda serie di misure quantitative è stata determinante in questo movimento. Tuttavia, la pressione sul debito si è rinnovata sulle economie periferiche d’Europa (Vedi i PIIGS), in particolare l’Irlanda potrebbe segnalare l’inizio di una meritata correzione. Nel breve periodo vedremo ulteriori segnali di forza per il cross de rompesse la resistenza di 1,3523 una volta raggiunta questa potrebbe andare al picco di aprile in area 1,3692. Tuttavia, osservando gli oscillatori, vediamo che l’indice di forza relativa e stocastico ha chiaramente raggiunto livelli di ipercomprato quindi è molto probabile una correzione per l’impulso precedente. Abbiamo pensato che potrebbe cercare il supporto della media delle ultime 200 sessioni che passa vicino a 1,32.

Cambio Dollari Euro

Cambio Dollari Euro

Andamento euro dollaro

L’andamento euro dollaro è  diventato laterale. Si sarebbe inquadrato all’interno di un canale lungo tra la base di appoggio laterale di 1,2588 (il supporto)  e 1,2932 come resistenza. Nel breve termine vediamo come il cross dà segnali positivi per aprire la settimana con rialzi intraday elevati a 1,2834. Si dovrà attendere al superamento della resistenza di 1,2856 per sbloccare il trend. Un altro elemento tecnico da tenere in conto è la media delle ultime 50 sessioni che passa attraverso il 1,2850 è potrebbe rallentare il progresso. In basso invece la media delle ultime 100 sessioni passa a 1,2650 e dovrebbe agire come un freno, in caso di un rovesciamento.

Cambio Dollari Euro

Cambio Dollari Euro

Andamento euro dollaro

Il cambio euro dollaro (vedi anche l’ultimo andamento) -nel breve termine- dovrebbe avere un primo ostacolo nella resistenza di 1,2855 che sarebbe il triangolo superiore nella formazione grafica che vediamo sull’immagine. Se ciò si verificasse, il superamento di questa bariera, l ‘obiettivo di altezza massima aumenterebbe ciò potrebbe fino a 1,3047. Guardando gli oscillatori, vediamo che lo stocastico avrebbe raggiunto livelli di ipervenduto e l’indice di forza relativa è già molto vicino. Ciò suggerisce che più prima che poi dovrebbe consolidare posizioni prima di attaccare i livelli citati.

euro dollaro

Informazioni sul dollaro e l'euro. La pagina di Forex per entrare nel mondo delle valute.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti: