s
Cerca:

Operazioni su valute. Tutti i nostri post che parlano di: ‘Operazioni su valute’

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Operazioni su valute. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Europa in calo, Euro oscillante

c92ca833746e8d149efbeb2611650ecf

Secondo l’analisi periodico parte dal FTSE MIB, l’indice di Milano riporta un calo per la settimana appena conlcusa pari all’1.97% chiudendo la terza settimana di fila con un rendiconto sfavorevole. L’indice Nikkei di Tokyo, torna a essere favorevole dopo settimane di buio, questa settimana l’incremento è fissato a +2,54%, rinsaldando l’ottimo andazzo della scorsa settimana. Per quanto concerne il bilancio settimanale degli indici maggiori europei, chiude in calo il FTSE di Londra con un -1,76%, crolla pure il DAX di Francoforte in diminuzione dell’-1,12% nell’ultima settimana, il CAC di Parigi continua la linea di borse al ribasso con un bilancio pari al -1,85%, ultimo della lista l’IBEX di Madrid che negli ultimi 5 giorni perde il 2,77%, risultando il peggiore dei mercati europei. Chiude il quadro l’indice Dow Jones di New york, che nel corso dell’ultima settimana di operosità è in diminuzione dell’1,77%. L’Euro presenta una persistente ascesa nei confronti delle altre valute internazionali. Sul mercato delle materie prime, agro cedimento del Petrolio che perde in maniera notevole, stabilendo il prezzo sul mercato americano al momento a 97,18 dollari al barile.

Valute: le prospettive degli investimenti nella sterlina

holiday-money_1380231c

La sterlina è stata in grado di conseguire il suo maggior profitto verso l’ euro da gennaio 2009, quindi da 26 mesi all’incirca. Tale recupero è stato reso possibile grazie principalmente a quegli investitori che hanno speculato in gran numero sul sistema economico interno anglosassone, ritenuto nelle condizioni di riprendersi molto più rapidamenterispetto a quegli stati che sono nell’area dell’euro.

La sterlina si è apprezzata nei confronti del resto d’Europa, ma al contempo ha perduto terreno nei confronti del dollaro. Tra l’altro, sono molti gli studiosi di economia politica che hanno atteso le nuove movimenti di Bank of England, in primis l’accrescimento del tasso di mercato nel corso del terzo trimestre del 2011 e un importante aumento da parte della produzione nazionale, una stima più in alta rispetto alle aspettative dell’anno scorso (dicembre 2010).

Cosa è uno Swap di valute?

Colloquialmente il termine significa scambio. Come in tutte le operazioni di scambio, due o più partecipanti accordano le regole della permuta liberamente e in base al valore reale dei beni che vogliono scambiare. È ovvio che tutti i partecipanti devono essere d’accordo con il valore dei beni che l’altro propone e possono mercanteggiare. Invece, se si tratta di uno scambio finanziario o Swap, normalmente le controparti sono due e lo scambio è un accordo di trasferimento reciproco di un flusso di cassa nel tempo (come prima) ma il valore di questo flusso non è più determinato dalle controparti ma dal mercato.

Baratto=Swap? Pick: muchapasta.com

Baratto=Swap? Pick: muchapasta.com

Concretamente lo swap è uno strumento derivatoContinua a leggere Cosa è uno Swap di valute?…

Un venerdì da forex: Ali ai piedi del Dollaro e lo Yuan durante la riunione del G20 a Whashington

Questa mattina il mercato si è svegliato con voglia di Yuan e Dollari grazie principalmente al germogliare di una avversione al rischio anticipata a inizio settimana. Lunedì, le borse assorbivano il colpo della polemica su Goldman Sachs e l’ennesima puntata della saga greca con pericolose volatilità che non hanno affatto beneficiato l’euro, la sterlina o le commodity currencies. Mentre i leader mondiali sono riuniti a Washington al vertice del G-20 (che finisce oggi) restiamo in attesa di uno degli appuntamenti più importanti della settimana e probabilmente del trimestre: la riunione primaverile del Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale.

Lo Zio Sam Sveglia il drago. Cartoon: Bill Maul per The Economist

Lo Zio Sam Sveglia il drago. Cartoon: Bill Mauldin per The Economist

Perché lo Yuan si e l’Euro no?

Soprattutto perché alla riunione del G20 lo Yuan sarà protagonista e l’Euro no. Perché questa volta Obama gioca in casa e con la presenza di tutti i banchieri centrali più importanti al mondo non si lascerà scappare di certo l’occasione di “svegliare il drago”. Una metafora, quella del drago che dorme, che non si addice, ormai, all’espansione dell’economia cinese che una volta era sotto stretto controllo o “addormentata”, visto che dietro la gran muraglia si nasconde un capitalismo forte e con bisogno di crescita.   Tuttavia gli americani vedono ancora la parabola come valida. Vogliono dare uno scossone al governo cinese per fare in modo che la rivalutazione dello Yuan sia effettiva entro la fine del 2010. Non sono state poche le pressioni della casa bianca sul governo cinese in questo senso.

Sulla falsariga degli interessi americani troviamo anche i banchieri centrali d’altri BRICS (principalmente India e Brasile) che hanno firmato un documento chiedendo alla Cina di “eliminare immediatamente la manipolazione monetaria dalla loro politica economica”. Henrique Meirelles, banca centrale del Brasile, ha dichiarato: “l’equilibrio dell’economia mondiale dipende da fattori critici come la rivalutazione della moneta cinese”.

Euro Dollaro. Alta volatilità una volta finito lo scossone Grecia

Euro Dollaro. L’Euro dimostrava nella giornata di ieri la possibilità di rimbalzare dopo aver toccato minimi di 1,3521 dollari. Per i rialzisti una resistenza evidente rimane oltre l’1,3679 dollari è sarà difficile che la moneta unica oltrepassi questo limite e ci rimanga per un lungo periodo di tempo. La volatilità in questo periodo rimane alta. D’altro canto il piano per salvare la Grecia (che appunto ieri provocava una polemica tra famosi economisti tedeschi) è ormai un evento che non possiamo più qualificare come market mover ma non è da scartare che il mercato decida di scommettere ancora contro l’Euro in vista dei problemi fiscali di alcuni paesi europei, come è il caso dell’Irlanda o della Spagna.

Euro Dollaro, volatilità e corse verso il basso

Euro Dollaro, volatilità e corse verso il basso

Dollaro che inciampa con la disoccupazione Usa

I dati macro Usa di ieri hanno avuto un impatto negativo sul dollaro. Il biglietto verde inciampava con i dati di ADP (employment report) sull’occupazione. Il report dell’agenzia segnalava la “distruzione” di 23.000 posti di lavoro contro le estime di creazione di posti 40.000 che si aspettava il mercato. La reazione dei mercati è simile a quella che ci si aspetterebbe venerdì quando gli Usa pubblicheranno i dati di disoccupazione americana. Purtroppo le borse saranno chiuse. Intanto in Italia l’Istat ha pubblicato i dati dell’occupazione italiana di febbario 2010.

Il dollaro che inciampa. Source: www.usbmania.ro/

Il dollaro che inciampa. Source: www.usbmania.ro/

Informazioni sul dollaro e l'euro. La pagina di Forex per entrare nel mondo delle valute.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti: