s
Cerca:

Spagna: salvataggio e confusione (2°parte)

 

Questo rende il gioco: la diplomazia richiede più e più tempo. Consultato da questo giornale, un portavoce del governo tedesco ieri ha negato tale possibilità, e ha negato che Berlino è responsabile di quel salvataggio appena arrivato. Rajoy vuole evitare lo stigma di una seconda “linea di credito”, a “quello che voi chiamate di soccorso” secondo le parole di Soraya Saenz de Santamaria. Vuoi fare bene. Preferisce aspettare e vedere come il mercato ti costringe a non chiedere soldi. E soprattutto, si adatta rinviare l’applicazione fino a dopo le elezioni basco e il galiziano. Alla fine, il Barrunta esecutivo, forse tutto è stato risolto, forse la Spagna in grado di svolgere il suo deficit impegni per quest’anno e anche le previsioni incluse nel bilancio del 2013 (con un calo del PIL del 0,5%), plausibile una crisi congiunzione astrale: bancaria, economica, debito, politico e istituzionale. Germania ei suoi alleati hanno le loro ragioni: Berlino assicura che sembra non voler salvare la Spagna, a giudicare dalle dichiarazioni di Rajoy e Guindos, né è chiaro chi ha bisogno. Secondo la tesi della Germania, la Spagna continua mercato fianciándose (vero) a tassi molto ragionevoli (altamente discutibile se la BCE non sarebbe così pronto per attivare il pulsante nucleare). Secondo varie fonti, la Germania preferisce raggruppare tutti i problemi della periferia, tra cui l’Italia, apostillan governo spagnolo fonti-in un solo voto al Bundestag per evitare danni politici, e per evitare che la BCE deve sparare a raffica e la soluzione crisi europea di seguire da TLE. E se grattandosi la tasca, vuole condizioni non eque.

Nonostante questa ambiguità calcolata ministeri degli Esteri e ministeri ai sorgenti (uno degli investitori che si sono incontrati a Londra Guindos, funzionari del Consiglio e della Commissione, due ministri della zona euro, fonti vicine alla BCE e il FMI), la sintesi di ciò che accadrà è la seguente. Spagna chiederà aiuto “poche settimane”, garantendo sia una sorgente ad alta a Bruxelles come un dirigente di un grande fondo. La modalità di ripristino è una “linea di credito con rinforzata condizionato” come gergo delizioso Bruxelles: una sorta di garanzia per gli investitori sarebbero stati coperti dal fondo di salvataggio uno sconto del 20% o del 30% del valore emesso debito. Che non avrebbe dovuto spendere di più (tranne in caso di default), ma l’acquisto diretto di obbligazioni non è del tutto esclusa. Per quanto riguarda le condizioni, la più particolare aspetto del movimento, dipende dall’impiego tempo Rajoy. “Si può ancora finta mentre il mercato è tranquillo, ma nessuno si rende conto che questa tranquillità da solo come il mercato crede verrà in soccorso”, ha spiegato fonti diplomatiche. “Bisogna chiedere soccorso mentre ancora incendio,” abbonda Santiago Carbo, Università di Bangor. Se al momento della richiesta segue il vento in coda, “la Spagna in grado di garantire condizioni iniziali relativamente lisce perché ha fatto il suo dovere”, dicono fonti vicine al FMI. Se si inizia la tempesta, le condizioni sono dure. Ma attenzione: “Anche se le condizioni sono soft-start, quando ho la prima revisione del programma e vedere che non c’è modo di soddisfare il deficit diventerà condizioni estremamente gravi. E ‘sempre stato, “un alto ufficiale dell’UE apostille.

 

 

Leggi altri articoli del nostro blog che parlano di: