s
Cerca:

cambio dollaro. Tutti i nostri post che parlano di: cambio dollaro

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica cambio dollaro. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Cambio euro dollaro

Il cambio euro dollaro, principale cross del mercato FOREX, ha avuto un anno prevalentemente ribassista. Lo scoppio della crisi di debito in Europa ha preso il cross a 1,5145 e lo ha portato fino a 1,1877. Ciò che in un primo momento è stato un fuoco limitato alla Grecia e poi saltato all’Irlanda divampando sotto forma d’incendio fino a giorno d’oggi quando stato messo in quarantena il Portogallo e la Spagna. Il timore di un possibile ‘effetto domino’ pesa ancora come un macigno sul cambio dollaro euro. Gli investitori sono ancora ribassisti sulla moneta unica con posizioni speculative. Tuttavia, i problemi fiscali negli Stati Uniti sono importanti anche per il prossimo anno e ciò potrebbe diventare uno dei ‘driver’ del mercato che favoriscano la moneta europea a scapito del biglietto verde. Ciò che salva Stati Uniti è la sua capacità di crescita che gli esperti stimato tra il 2 ed il 3% nel 2011 rispetto al 1-2% nella zona euro.

dolar-euro

Euroconvertitore dollaro euro

Che cosa è l’euroconvertitore dollaro euro? I nostri lettori ci hanno chiesto oggi -via mail- di rispondere  a questa domanda. Ecco la risposta: Per definizione l’euroconvertitore dollaro euro non esiste. Perché? Perché gli euroconvertitori (di quelli che troviamo sparsi sulla rete) sono fondamentalmente convertitori di valuta, più o meno efficienti, che cambiano automaticamente il valore di una cifra in euro a quella corrispondente in dollari americani o altre valute. Per convertire un dollaro americano dovremo invece cercare in modo diverso su internet. Cambiodollaroeuro per esempio è un sito specializzato in Forex che da inizio maggio 2010 offrirà la possibilità di convertire in euro i dollari e gli euro in altre valute internazionali con i tassi di scambio più aggiornati. Dunque, il nostro, no sarà un euroconvertitore ma un convertitore di valuta utile in entrambe direzioni. Cambio dollari euro e cambio euro in altre valute.

Rispondiamo ai lettori

Rispondiamo ai lettori

Che cos’è un Rally?

Che cosa s’intende quando parliamo di rally? Un termine comune nella finanza che sentiamo quasi tutti i giorni associato –non sempre- ad euforia collettiva nei mercati o tra gli acquirenti di un asset. Da dove viene l’entusiasmo di un trader che esulta quando l’euro è in rally?

L’espressione rally proviene dal gergo militare anglosassone. Il significato rimonta alle battaglie classiche dove si combatteva a piedi o a cavallo e dove il risultato dipendeva più dal carattere –agguerrito o no- dei soldati che vi combattevano che dalla tecnologia che venia usata.

Rally delle truppe britanniche. Pick: Film il Patriota

Rally delle truppe britanniche. Pick: Film il Patriota

Nell’esercito inglese -sempre disciplinato e stoico- era comune parlare di rally quando delle truppe, una volta sconfitte o respinte nel mezzo della battaglia, si raggruppavano  di nuovo intorno a bandiere e ufficiali per caricare di nuovo il nemico.

Un rally nella Finanza

Nel caso della finanza è ben noto che rally significa guadagni. Un rally è un periodo di tempo nel quale i prezzi di asset, bond o indici sale in modo sostenuto. Il rally può generarsi tanto in un “mercato toro o in un “mercato orso” ma il rally è sempre associato al rinforzo di un valore dopo un periodo di stabilità o di flessione.

Che cosa causa un rally?

Sono diversi i fattori che possono portare al rally di una valuta, di un asset qualsiasi o di un indice finanziario. Il motivo più comune sarebbe l’entrata nel mercato di grandi somme di denaro che spingono i prezzi all’insù. Cioè acquisti su acquisti di un stesso asset. La durata del rally dipende sempre dalla quantità che gli inversori sono disposti a comprare e dalle pressioni di vendita che riscontrano le loro controparti. Per esempio se ci sono molti compratori ma non altrettanti venditori il rally di quel asset può diventare un rally lungo. Se invece i compratori sono gli stessi che i venditori il rally finirà quando il denaro che è entrato nel mercato si trasforma in asset.

Le origini del dollaro

Le valute sono un sistema di intercambio che usano le persone per trasferire beni e servizi fra di loro. Queste prendono espressione nella forma di monete, banconote e “numeri virtuali” (nelle banche, carte, bancomat…).

800px-Dollar_symbol

Continua a leggere Le origini del dollaro…

Mercato Toro e i rally della finanza

Un toro prima di caricare deve inquadrare il suo bersaglio. Per questo, prima di lanciarsi in corsa omicida, l’animale si prende il suo tempo –magari grattando per terra con lo zoccolo e sbuffando un po’ – mentre accumula energie per l’attacco. Una volta inquadrato l’obbiettivo però, il movimento è fulminante. Un pò come avviene nelle corride, o nei mercati finanziari.

Il toro spagnolo de "lidia" è il più rinnomato delle Corridas Spagnole. Foto: www.ganaderoslidia.com

Il toro spagnolo de "lidia" è il più rinnomato delle Corridas Spagnole. Foto: www.ganaderoslidia.com

Quando parliamo di “mercato toro” nel mondo della finanza stiamo, infatti, formulando l’allegoria di un animale energico, pronto alla carica e pieno di forza e sicurezza. Un animale che, prima di muoversi in modo violento, si ferma a squadrare l’avversario. Il mercato toro è il mercato rialzista.

Il mercato toro può essere suddiviso in tre fasi. La prima è quella d’accumulazione, la seconda è una fase di stabilità con volumi in crescendo e la terza sarebbe la carica finale del toro: i guadagni frutto di una attività potente.

Come riconoscere il toro?

Corna a parte il mercato toro si riconosce subito dall’entusiasmo delle borse o dei partecipanti in mercati finanziari come il Forex. I prezzi salgono, crescono anche i profitti e tutti gli investitori sono presi dall’ottimismo. La fiducia degli investitori sale e le aspettative di profitti nel lungo termine sono alte. Nel caso delle valute la scelta delle banche centrali tra una moneta forte e une debole è evidente.

È pericoloso il toro?

Si. Quando l’effetto del sentimento del mercato finanziario si traduce in una crescita non controllata dell’economia reale il toro può diventare molto pericoloso. Le bolle nel mercato finanziario sono all’ordine del giorno e non sono un problema per la finanza. Anzi, alcuni trader sono persino specializzati nel guadagno quando il trend è ribassista o nella speculazione.

Il torero José Tomás nella Piazza Las Ventas di Madrid. Foto: www.redajo.com

Il torero José Tomás nella Piazza Las Ventas di Madrid. Foto: www.redajo.com

Tuttavia durante il periodo “toro” l’economia reale può ricevere impatti fortissimi se queste bolle crescono troppo. Alcuni settori giovano d’ottimismo esagerato e i movimenti d capitale sono eccessivi e insostenibili quando il toro è in moto. Esempio; il mercato immobiliare degli ultimi anni. L’incornata finale è inevitabile.

Cambio Dollaro. Il dollaro contro le piccole valute asiatiche: Won e la Rupia

Il won coreano

Questa valuta, a volte dimenticata dal mercato Forex, sale contro il dollaro. Sale dello 0,45% contro il biglietto verde sino a 1118,15. La banca centrale della Corea del Sud ha deciso da poco mantenere I tassi d’interesse al 2%, una decisione che concorda con il consesno economico. Il nuovo governatore della BoK ha dichiarato che l’incertezza è ancora presente sul mercato e che la crescita economica della Corea del sud è ancora in dubbio. Le principali ragioni sono, dice la BoK, il controllo di liquidità che esercita la Cina sui mercati asiatici e I problemi fiscali dell’Europa.

Esperti di Barclays stimano che la Banca Centrale sbloccherà I tassi a metà del 2010 quando probabilmente lo farannoa anche gli stati uniti.

Valute asiatiche contro il Dollaro.

Valute asiatiche contro il Dollaro. Foto: Getty

Un po di storia Wiki sul Won

Storicamente, il won coreano era suddiviso in 100 jeon (전), però attualmente nella Corea del Sud la moneta frazionata non si usa più. La quantità più piccola in uso è di 10 won, approssimativamente 0,8 centesimi di euro. Dato curioso, vista la forte svalutazione del cambio degli ultimi anni, i tagli della carta moneta dello Won Sud Coreano sono di 1.000 Won, 5.000 Won, e massimo 10.000 Won che al cambio del primo quadrimestre 2009 rappresenta poco più di 5 euro. Sono allo studio banconote da 50.000 e 100.000 ma nulla di definitivo per ora, per cui la economia locale è soprattutto basata sull’emissione di assegni bancari, vista la totale mancanza di praticità delle banconote in questione.

Rupia indiana

Anche la rupia indiana sale contro il dollaro dello 0,26% e arriva a 44,6150. Manmohan Singh, primo ministro indiano ha dichiarato che la banca Centrale dell’India potrebbe rilanciare I tassi sino al 5% mentre spariscono gli stimoli all’economia.

Un po di storia Wiki sulla Rupia

La Rupia (₨ o Rs.) (Hindi e altre lingue dell’India: Rupiya, dal sanscrito rupyakam che significa moneta d’argento) è stato il nome di vecchie monete ed è tuttora il nome di diverse valute in uso in India, Pakistan, Sri Lanka, Nepal, Mauritius, Seychelles; in Indonesia il nome della valuta è rupiah e nelle Maldive è rufiyaa. La rupia indiana e la rupia pakistana sono suddivise il 100 paisa (pl. paise o pice) e la rupia nepalese può essere suddivisa sia in cento paisa o pice (sia al singolare che al plurale) oppure in quattro Suka o in due Mohor.

La debolezza dell’Euro e i PIIGS

Come è ben noto l’acronimo PIGS –maiali in inglese- è formato dai nomi dei paesi europei più deboli dal punto di vista finanziario: il Portogallo, l’Irlanda (originalmente l’Italia), la Grecia e la Spagna. Sotto ogni punto di vista è un termine poco amabile che usato – come succede spesso- dalla stampa anglosassone mira a denigrare queste quattro nazioni accusandole d’incapacità per controllare il loro deficit pubblico.

The PIGS. Source: BusinessWeek

The PIGS. Source: BusinessWeek

Il punto comune dei PIGS è appunto la fragilità delle loro economie sul campo della finanza pubblica. Anche se il caso recente del fallimento dell’economia greca, l’ancora più recente downgrade a AA- da parte di Fitch sul debito del Portogallo e gli indici di disoccupazione della Spagna e l’Irlanda con i loro crescenti deficit ci portano a pensare che questi 4 paesi siano sull’orlo del collasso esistono certe differenze da segnalare.

Il credito della Spagna è ancora considerato con AA, quello portoghese e irlandese AA- e soltanto la Grecia con una B; che non vuole dire esattamente “buono”, ma neanche “senza speranza”. Dal punto di vista della disoccupazione il Portogallo riscontra un 10,1%. Cioè la metà della Spagna e un deficit minore di quello ellenico ed irlandese.

I PIGS originali. Source: BusinessWeek

I PIGS originali. Source: The Big Picture

Tutti dati preocupanti ma comunque eterogenei. Per economisti come Paul Krugman si tratta di problemi strutturali relativi ad una integrazione monetaria non riuscita, per quelli europei di problemi puntuali e per l’euro – come valuta internazionale alla pari del dollaro- si tratta di una autostrada verso il basso.

Tuttavia, come abbiamo visto venerdì scorso, l’Europa non può permettersi di lasciar fallire uno dei suoi membri per quanto questi siano PIGS. I motori economici dell’Europa – Germania e Francia- hanno trovato il loro accordo e la Grecia sarà salvata. Ora la domanda che si pone il mercato è se questa situazione potrebbe ripetersi nelle altre economie periferiche dell’Unione. Un interrogante che finche aperto manterrà l’euro debole contro le altre valute internazionali.

Dollaro forte: “Un anno di sorprese”

“Il dollaro ci sorprenderà sicuramente quest’ anno. La sorpresa sarà sicuramente un rinforzo verso l’alto en non verso il basso. Perciò non vedo molte possibilità per le attività basate sulle materie prime come l’oro”. Parola d’analista. L’esperto Edward Meir, analista della MF Global Ltd, rispondeva così alle domande della Bloomberg TV.

dollaro

Continua a leggere Dollaro forte: “Un anno di sorprese”…

La fine del dollaro

Nel 2009, molti prevedevano la fine del dollaro come valuta di riferimento e l’egemonia dell’euro, ma dopo l’ultima correzione sembra ormai logico vista la crisi dell’euro -pensiamo ai picchi insostenibili del cambio dollaro euro a 1,6,04. Tuttavia, tra gli investitori pochi ci aspettavamo un calo così grave dovuto alla crisi del debito nella zona euro. Le previsioni degli esperti come Robert Ruarte, sia pure assistito da altri fattori, sembrano materializzarsi con precisione. Quasi un anno fa, l’analista ha affermato sul cambio dollaro euro che le previsioni per il 2010 e la caduta da 1,6,04 mille erano “una correzione a lungo termine, non una tendenza.” Assicurava inoltre che si sarebbe parlato “della scomparsa della moneta unica.” Nel 2010, il cambio dollaro euro è venuto a cadere del 17%. È arrivato persino ad essere inferiore a i 1.20, e la sopravvivenza dell’euro è stata messa in dubbio.

Un dollaro più forte. Cartoon: weakonomics.com

Un dollaro più forte. Cartoon: weakonomics.com

Dollaro euro

Il cambio dollaro euro continua a mostrarci una debolezza tecnica nel breve termine. Nelle ultime sedute è rimasto sempre al di sopra dei massimi di agosto raggiunti a 1,3334 e per il momenti il prezzo non mostra segni di stanchezza. La recente dichiarazione della Federal Reserve, che apre le porte ad una seconda serie di misure quantitative è stata determinante in questo movimento. Tuttavia, la pressione sul debito si è rinnovata sulle economie periferiche d’Europa (Vedi i PIIGS), in particolare l’Irlanda potrebbe segnalare l’inizio di una meritata correzione. Nel breve periodo vedremo ulteriori segnali di forza per il cross de rompesse la resistenza di 1,3523 una volta raggiunta questa potrebbe andare al picco di aprile in area 1,3692. Tuttavia, osservando gli oscillatori, vediamo che l’indice di forza relativa e stocastico ha chiaramente raggiunto livelli di ipercomprato quindi è molto probabile una correzione per l’impulso precedente. Abbiamo pensato che potrebbe cercare il supporto della media delle ultime 200 sessioni che passa vicino a 1,32.

Cambio Dollari Euro

Cambio Dollari Euro

Informazioni sul dollaro e l'euro. La pagina di Forex per entrare nel mondo delle valute.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia