s
Cerca:

Cambio Dollaro Yen. Tutti i nostri post che parlano di: Cambio Dollaro Yen

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Cambio Dollaro Yen. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Euro in calo anche nei confronti dello yen

soldiNon è un bel periodo di invertire in euro,  l’euro che in questo periodo registra un calo confronti del dollaro. La coppia Eur Usd perde, infatti, lo 0.39% toccando in questo modo quota 1.4190.Un dato che deve far mediatare. Se dobbiamo pensare ai record di inizio maggio, in area 1,494 dollari, la moneta unica oggi mostra una modifica di circa 5% legata soprattutto alle paure sempre più concreti di un riordino del debito publico della Grecia. A sorreggere l’euro i buoni dati economici derivanti dalla Germania e dal dato sulla disoccupazione. In Europa, in realtà, continua a migliorare senza sosta il Pil tedesco. Nel corso dei primi tre mesi dell’anno la locomotiva tedesca ha fatto vedere un accrescimento dell’1,5% rispetto ai precedenti tre mesi (gli analisti si attendevano un +0,9% t/t), ma principalmente un aumento del pil del 4,9% su base annuale (stime di consensus ferme a +4,2%). Buonissime notizie giungono pure dal mercato del lavoro, visto che i disoccupati sono scesi sotto i 3 milioni, evento che si verificava dal 1992. Nel frattempo l’euro è in difficoltà pure nei confronti della sterlina. La coppia Eur Gbp corre giù dello 0.10% andando a sfiorare quota 0.8736. L’euro è in diminuzione pure nei confronto della valuta nipponica: lo yen. La coppia Eur Jpy è scambiata a 114.88, in ribasso dello 0.38% al momento della scrittura.

Giappone, cambio yen-dollaro mossa speculativa dei mercati

fotohome4Il governo nipponico accusa i mercati stranieri, in particolare quello americano di speculare sul momento di difficoltà del paese orientale. Il cambio valute yen-dollaro dopo giorni in netto calo ha subito un rialzo che risaliva addirittura alla fine del seconda conflitto mondiale, ciò sarebbe stata tutta una mossa ponderata nei minimi dettagli, per trarre vantaggio massimo dalle azioni in calo del mercato nipponico dopo il disgrazia ambientale.

Tutto questo ovviamente come ribadisce il governo nipponico va a danneggiare tutte le aziende del territorio che vedono togliersi tutte le possibilità di rilancio, essendoci un così forte traffico di azioni che porta chiaramente alla distruzione del meccanismo perfetto delle società quotate in borsa. Il record storico del cambio fra le valute rievoca il 1995 quando il dollaro era scambiato a 79,75 yen, il picco toccato giovedì notte invece segna un nuovo improbabile dato, dove un dollaro è stato scambiato per 76,52 yen. Calo spaventoso che ha dato ai ben informati la eventualità di muoversi nel mercato e speculare sul mercato nipponico, dall’altra parte del pacifico invece criticano il Giappone di essersi mosso per far rimpatriare i fondi dello stato detenuti all’estero per affrontare alle emergenze e corrispondere le polizze stipulate con i cittadini, che ora pretendono di essere restituiti. Botta e risposta che non trova però fondamenti concreti, i mercati ora si sono stabilizzati e non pare ci sia il rischio di un nuovo ribasso in questo modo palese, resta solo da comprendere quando il mercato nipponico si riprenderà e quanto sino a quel momento si sarà debole.

Cambio euro yen 2010

Il cambio Euro Yen si continua a muovere in un canale delimitato in basso dal supporto di 105,80 e sopra della resistenza 109,56. Il trend chiaramente ribassista disegna una figura che potrebbe portarci a pensare ad una continuità stabile dell’andamento. La rottura di questa formazione però potrebbe portare al minimo annuo di 105,43 che ha raggiunto il 24 agosto 2009. Nel breve termine, a condizione che l’avversione al rischio continui a diminuire, dovrebbe esserci spazio per un rimbalzo. Infatti, in teoria e secondo gli esperti nei prossimi mesi è che l’incrocio resterà al di sopra della zona 110.

A livello macro, il Giappone ha pubblicato oggi le cifre definitive del PIL nel secondo trimestre. Ciò è avvenuto sulla linea di quanto previsto con il preliminare e trimestre è salito dello 0,4% e 1,5% l’anno. La lettura del primo trimestre è stata dello 0,1% e 0,4% rispettivamente. Il tasso di crescita, secondo dice la Rete, sembra non essere sostenibile. Il previsto rallentamento della domanda in Cina e negli Stati Uniti, i suoi due principali partner commerciali, potrebbe portare nei trimestri successivi cifre peggiori.

Sul versante dei tassi d’interesse la differenza continuerà a beneficiare l’euro. Il dubbio che la Banca centrale europea possa avviare un aumento dei tassi dall’1% prima della metà del 2011 sommato alla crisi che attraversa il danno ossigeno alla moneta unica.

Cambio dollaro yen

Il cambio Dollaro-Yen ci dà segni di un possibile giro per almeno consolidare il forte calo dello scorso anno. La notizia che la Cina e gli Stati Uniti dicono di essere vicini a un accordo per fissare obiettivi della bilancia commerciale ha dato un impulso al biglietto verde. Evitando così una guerra commerciale tra le due grandi potenze, e quindi aiutare a correggere gli squilibri globali. La proposta di Geithner sembra essere il quadro di base per un accordo. Nel breve termine il cross darebbe un segnale rialzista, se è possibile superare la resistenza di 82. Così lontano dal minimo storico di 15 anni 80,41. Sotto questo livello non ha alcun sostegno significativo sino a 79,75 toccato nel maggio 1995.

Yen della Banca Centrale Giapponese (BoJ)

Yen della Banca Centrale Giapponese (BoJ)

Cambio Euro Yen

Il cambio euro yen è l’orgoglio della Banca del Giappone perche se questa istituzione dovesse essere orgogliosa di qualcosa sarebbe proprio del successo del suo tentativo di indebolire lo yen come si riflette nel cross EuroYen. Il cambio ha compiuto progressi significativi dopo l’intervento della BoJ sul mercato per rallentare l’apprezzamento della valuta. Purtroppo la politica monetaria del Giappone è stata meno efficace nel cambio Dollaro-Yen che si trova ora al di sotto dei livelli pre-intervento. L’EuroYen è in ripresa. Consapevole della resistenza di 114,96, chi investe dovrebbe tenere in conto che se il mercato portasse a superare il picco di 115,68 saremo di fronte ad una grande possibilità di investimento.

Yen della Banca Centrale Giapponese (BoJ)

Yen della Banca Centrale Giapponese (BoJ)

Cambio dollaro yen

Il cambio dollaroyen si sta dimostrando piuttosto debole nel breve termine dopo aver perso il minimo di 84,82 raggiunto nel novembre 2009. Questa settimana ha toccato un nuovo minimo –il più basso negli ultimi 15 anni- a 83,60. Tuttavia, sembra che nel corso delle ultime sedute sia riuscito a rallentare la  caduta grazie alle voci sempre più insistenti su un possibile intervento coordinato della Banca del Giappone (BOJ) e il ministero delle Finanze del Giappone per impedire l’apprezzamento dello yen.

Proprio oggi, Naoto Kan, il primo ministro giapponese ha indicato che i movimenti improvvisi del mercato valutario non sono benvenuti e dal governo del paese del sol nascente sono pronti a intervenire. Suona come una nuova escalation di interventi verbali ai quali abbiamo già assistito in precedenza visto finora esistono pochi o quasi nessun effetto pratico nelle parole del premier Kan. Se confermate, queste minacce, sarebbe la prima volta dall’aprile del 2004 nel quale il Giappone avrebbe agito apertamente contro la tendenza del mercato dei cambi. Ciò avrebbe un effetto al rialzo dei movimenti e dei tempi in quanto potrebbe portare lo Yen nel suo cambio contro il dollaro nella zona compresa tra 88 e 90.

yen

Cambio Dollaro Yen

Il cross dollaroyen ci sta mostrando la debolezza a brevissimo termine, dopo aver perso il sostegno degli 85,86 sembra che potrebbe andare alla ricerca del pluriennale minimo di 84,82 raggiunto a novembre 2009. Nonostante il rally dei mercati azionari mondiali, lo Yen sta dimostrando grande forza combinata con un dollaro debole. Recenti dati di cattivo andamento economico da parte degli Stati Uniti mostrano un rallentamento dell’attività che potrebbe tradursi in un maggiore rilassamento della politica monetaria della Federal Reserve. Alcune voci indicano che la Fed sta considerando andare avanti con una politica quantitativa o di ‘quantitative easing ” attraverso l’acquisto di attivi del mortgage sector e del Tesoro. Nel breve termine, riteniamo che il cambio possa rimbalzare la situazione di eccessiva pressione è chiaramente visibile nello stocastico Relative Strength Index. Crediamo che la linea guida dovrebbe cercare una freccia ribassista nel medio termine che è stata perforata in falso (cioè potrebbe continuare a scendere oltre quel limite).  Anzi, se avete intenzione di investire sul cross tenete d’occhio la Fed, potrebbe incalzare il ribassiamo con una parola: compriamo.

Yen della Banca Centrale Giapponese (BoJ)

Yen della Banca Centrale Giapponese (BoJ)

Cambio dollaro

Come annunciato nel precedente post il cambio dollaro rispetto ad altre valute è destinato a portarsi a quote molto elevate nei prossimi anni. L’andamento dollaro euro per esempio ci offre una prova evidente del cambio di tendenza che ha sofferto il mondo delle valute dopo la crisi dell’euro. Gli investitori vedono il dollaro americano come un investimento sicuro, un investimento rifugio. Neanche le monete asiatiche –come spiegavamo in settimana- saranno all’altezza. Lo Yuan (anche conosciuto per Remimbi) viene considerato come il futuro egemone del marcato valutario ma la sua crescita è ancora troppo lenta e i movimenti monetari della Cina molto conservatori.

CONVERTITORE DOLLARO EURO

Un dollaro per domarli, Un dollaro per trovarli, Un dollaro per ghermirli e nel buio incatenarli, Nella Terra del Forex, dove l'Ombra cupa scende."

Un dollaro per domarli, Un dollaro per trovarli, Un dollaro per ghermirli e nel buio incatenarli, Nella Terra del Forex, dove l'Ombra cupa scende."

D’altro canto osserviamo lo Yen. Gli analisti ci consigliavano questa settimana di scappare dal cambio euro yen e vedevano il cross yen/euro in ottica ribassista visto che la moneta giapponese è stata assorbita da una spirale negativa che potrebbe allungarsi sino alla fine del 2010 così come l’euro.

Vincente dunque il cambio dollaro in tutti i settori. Su questo blog ancora non ci siamo occupati in profondità di mercati valutari come le valute scandinave o il rublo. Rispetto all’euro avrebbero anche qualche possibilità di guadagno nel breve termine ma non è sicuramente una scommessa sicura come puntare sul bigliettone di Gorge Washington.

Yen Euro

Lo Yen cade a picco. Yen Euro subisce un grave colpo dopo le inaspettate dimissioni del primo ministro Yukio Hatoyama. Per il cross gli analisti auspicano momenti di forte volatilità dovute alla instabilità politica che attraversa il paese del sol nascente. Uno dei motivi principali delle dimissioni del primo ministro –dopo appena 8 mesi di incarico- nipponico è stata la forte pressione americana per mantenere la base militare statunitense di Okinawa. D’altro canto diversi scandali finanziari hanno portato il primo ministro a rinunciare al governo del paese forzato dal partito di coalizione del quale ha perso l’appoggio in brevissimo tempo.

Yen della Banca Centrale Giapponese (BoJ)

Yen della Banca Centrale Giapponese (BoJ)

Sul campo delle valute resta da segnalare la perdita Yen Dollaro. Il biglietto verde rimane sempre forte contro il resto delle valute e sullo Yen si è abbattuto con ferocia rompendo le prime resistenze che potrebbero portarlo a livelli di 91,975. Se il dollaro superasse i 92 Yen ci si potrebbe aspettare una impennata del trend rialzista è sarebbe meglio entrare in posizioni prima della fine di questo mese.

L’Euro Yen mantiene la resistenza dei 112,90 ma la volatilità a cui ci riferivamo prima fa si che sia sconsigliabile entrare in posizioni concrete di breve termine senza rimetterci.

Sterlina Yen invece è un investimento molto più sicuro nel breve termine. Lo scenario è ovviamente rialzista ma facciamo attenzione al supporto dei 132 Yen. Potrebbero rompere il trend e sarebbe un momento opportuno per uscire.

Cambio Euro Yen, “il recupero del Giappone è evidente” dice la BoJ

Buone notizie per il Giappone che, secondo il vicepresidente della BoJ Kiyohiko Nishimura, avrebbe iniziato un recupero capace di contenere la deflazione. La BoJ, ha detto Kiyohiko Nishimura, dovrebbe mantenere una politica monetaria espansiva e continuare sulla strada che ha seguido fino adesso“. Dal canto suo lo Yen, nel cross con la valuta americana, potrebbe trovare qualche difficoltà dovuto al momento di fragilità che attraversa la fiducia del mercato sulle capacità di recupero del paese del sol nascente.

Niente più lontano dalla realtà, ha smentito Kiyohiko Nishimura, confermando la politica monetaria giapponese e la graduale uscita dalla crisi che potrebbe portare il giappone ad alzare i tassi appene l’Asia inzierà questo movimento. Per il momento sul cross Dollaro-Yen la prudenza non è mai poca e il massimo resta a 93,75 dove troviamo una difficile resistenza. Per l’Euro-Yen invece la fascia operativa rimane tra 124 e 126.

Bank of Japan. Foto: www.pictureninja.com

Bank of Japan. Foto: www.pictureninja.com

Informazioni sul dollaro e l'euro. La pagina di Forex per entrare nel mondo delle valute.

Scrivi il tuo indirizzo e-mail e ricevi gratis i nostri aggiornamenti: